Il Festival nasce a Narni nell'ottobre del 2016, anno destinato inizialmente a essere considerato come quello dell'edizione n. 0, che è di fatto ormai entrata a far parte delle edizioni che fino a oggi proseguono.
Fin dalla sua origine, le due giornate sociologiche si sono prefissate incontri di vario tipo sia dentro il mondo accademico, che fuori dalle aule universitarie.


Ogni edizione ha visto il susseguirsi di lectio magistralis di sociologi di spicco internazionale, panel tematici, conversazioni tra sociologi ed esperti della società civile, puntando al ruolo pubblico della disciplina.

Proprio per consentire un dialogo aperto dentro e fuori il mondo accademico, sono state e sono determinanti le iniziative che vedono il coinvolgimento di giornalisti, artisti di varia provenienza, che mostrano in molte occasioni il frutto dei loro lavori dentro la città di Narni.

Occasione d' incontro quindi non meramente accademica, che mira a coniugare la presenza tanto di sociologi, quanto di artisti di varia matrice, capaci di poter coniugare la rappresentazione sociale del nostro vissuto, attraverso espressioni cinematografiche, musicali, fotografiche, teatrali.

 Il Festival è inoltre una vetrina anche per le scuole superiori del contesto umbro, che hanno l'opportunità di vivere due giorni di formazione, di ascoltare e conoscere nomi rilevanti della sociologia contemporanea.  




La sociologia in Italia, a partire dal dopoguerra, si è ampiamente affermata come una disciplina autonoma e consapevole dei suoi campi di studio e di ricerca. Attualmente, essa si sta diffondendo anche come prospettiva di dibattito nei media e presso l'opinione pubblica.

Era quindi maturo il tempo per pensare a un Festival della Sociologia come occasione di incontro per accademici, professionisti, operatori sociali, studiosi, studenti, ma soprattutto per il grande pubblico: un importante appuntamento annuale per discutere sui cambiamenti della società contemporanea e per lanciare nuovi spunti utili alla costruzione della società del futuro, a tutti i livelli, economico, politico, culturale e sociale.



In questa direzione, tenendo conto delle risorse dell'area umbra, coadiuvate da sociologi italiani e internazionali, nasce nel 2016 il primo Festival della Sociologia.

L'inedito successo del Corso di Laurea in Scienze per l'Investigazione e la Sicurezza d'impianto sociologico, coniugato con il tema della creatività locale, dell'ambiente, della comunità in cui l'individuo vive, si collega con la realizzazione del suddetto festival.

Ogni anno il Festival ha un titolo di base, un contenitore dentro cui vengono attivate sessioni pleanarie e varie iniziative, che puntano al coinvolgimento della società civile. 

  Il Festival è si avvale della collaborazione dell'Associazione Italiana di Sociologia, che lavora in forte sinergia con il comitato e la segreteria scientifico - organizzativa.